Spese esumazione e ossario: rientrano nella detrazione delle spese funebri?

In vista del 730 riceviamo richieste di chiarimento in merito alle spese detraibili. Tra queste figurano anche le spese funebri. Qual è il presupposto per scaricarle?

Spese funebri 730/2019: rientrano anche esumazione salma e ossario?

Riportiamo a titolo di esempio due quesiti che ci sono giunti in redazione:

“Buonasera vorrei un vostro gentile parere in merito alla deducibilità di spese sostenute per il rinnovo di una concessione cimiteriale in scadenza nel 2018 ma riferita ad decesso di qualche anno fa.
Io credo non spetti nulla in quanto, non siamo in presenza di spese sostenute in occasione di un decesso ma,  di spese che uno sostiene in quanto il comune ha deciso che se non vengono rinnovate le concessioni la salma sarà riesumata e la tomba sfatta”.

“Dopo 10 anni hanno riesumato la salma di mio padre. Si possono mettere in detrazione le spese per avere le ossa nell’ossario?

Precisiamo che le spese sostenute per la riesumazione della salma o l’inumazione non possono essere fatte rientrare nel novero delle spese funebri che danno diritto alla detrazione d’imposta del 19%.
Il presupposto per cui le spese funebri possano essere detraibili dall’Irpef, infatti, è che rispondano ad un criterio di attualità rispetto all’evento al quale si rivolgono (si legga a tal proposito anche il riferimento legislativo alla circolare ministeriale n. 26 del 25 maggio 1979).

Basandoci sul rapporto causa-effetto, ovvero di attualità dell’evento morte con la spesa funebre, sono detraibili:

  • il versamento effettuato al comune per il corrispettivo dei diritti cimiteriali;
  • la fattura dell’agenzia di pompe funebri (tutto quanto annesso al servizio di trasporto e sepoltura);
  • altre eventuali spese per il fiorista o per la lapide dal marmista;
  • i necrologi.

Sulla base delle disposizioni della normativa sulle detrazioni fiscali per i funerali, in vigore dal 2016, le spese di cremazione rientrano invece tra le spese funebri detraibili.

fonte: investireoggi.it

Condividi
Indietro