Recompose, il primo impianto funebre di compostaggio umano al mondo aprirà nel 2021.

“Memento, homo, quia pulvis es, et in pulverem reverteris”, recita una nota locuzione latina ripresa nella liturgia cattolica e maggiormente conosciuta con la frase “cenere alla cenere, polvere alla polvere”. La locuzione latina indica il destino a cui ogni uomo va incontro. E se fino ad oggi le alternative dopo la morte per l’uomo erano di essere sepolto sotto terra o di essere cremati, di recente lo Stato di Washington ha legalizzato il processo “riduzione organica naturale”. Il primo impianto funebre di compostaggio umano al mondo dovrebbe aprire nella primavera del 2021. Il progetto è stato introdotto dalla società Recompose, con sede a Seattle, che sarà la prima a offrire la possibilità di “riduzione organica naturale” post-morte. Recompose ha infatti creato un modo sostenibile e delicato di convertire i resti umani in terreno organico fertile per creare nuova vita dopo la morte.

continua a leggere

Condividi
Indietro