Palidoro. Cimitero: ritardi nella tumulazione.

La morte di un congiunto è già di per sé una tragedia, ma quando a peggiorare la situazione ci si mette la burocrazia si rischia di sfiorare la farsa. Sono eventualità a cui nessuno vuole pensare, ma pensate a trovarvi nella situazione drammatica di non poter tumulare un vostro caro. È la storia di Tiziana. Tutto inizia nella notte tra sabato e domenica 5 febbraio: suo padre, 60 anni, muore improvvisamente d’infarto. La famiglia si affida a un’agenzia funebre locale che si incarica di gestire la faccenda e che lunedì 6 febbraio fornisce al Comune di Fiumicino la comunicazione del trapasso. I funerali vengono fissati per mercoledì 8 febbraio, l’inumazione a terra viene programmata nel cimitero di Palidoro, già precedentemente al centro di storie come questa. I problemi sorgono martedì 7: l’agenzia funebre riceve comunicazione dal Comune che non sarà possibile effettuare la sepoltura prima di venerdì, salvo imprevisti. Quali imprevisti? La pioggia.

continua a leggere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro