Onoranze funebri: “Chi…bara?”.

Il mercato delle onoranze funebri del basso ceresio è finito al centro di un’interpellanza di Sara Beretta Piccoli (PPD), che chiede al Governo di fare verifiche presso le ditte che hanno svolto prestazioni nel 2017 nei ricoveri e nelle case per anziani al fine di evitare eventuali ingerenze. Ve la riproponiamo qui di seguito:
“Il mercato delle onoranze funebri del basso ceresio, secondo articoli di Tio e 20 minuti del 21 novembre scorso, vive una situazione anomala dove un solo impresario detiene quasi i ⅔ del mercato. Impresario che non minimizza. Anzi: “Facciamo grossomodo 320 funerali all’anno sui 450 nel distretto (pari al 71%, ndr). Inoltre “… la ditta di Mendrisio, che occupa una decina di dipendenti, fa più funerali (282 nel 2017) dell’azienda leader nel più popoloso Luganese (Maspoli si ferma infatti a 207).”
La popolazione invecchia ed è logico che ricoveri e case per anziani stiano diventando, per sempre più persone, l’ultima dimora terrena. Considerando che buona parte di queste strutture sono sovvenzionate con fondi pubblici, di fronte alle cifre e alle dichiarazioni riportate da Tio, è compito dello stato fare delle verifiche. Verifiche utili a spazzare via ogni dubbio su eventuali ingerenze da parte di operatori di case anziani, ricoveri e ospedali utili a destabilizzare l’intero mercato dei funerali del Mendrisiotto.
Per le facoltà concesse, chiedo quindi al Lodevole Consiglio di Stato:
1. Qual è il numero di decessi verificatosi in ricoveri e case anziani sovvenzionate dal Cantone nel Mendrisiotto, quanti decessi all’ospedale di Mendrisio e quanti all’ONC durante lo scorso anno (2017)?
2. D’ interpellare le ditte Coltamai, Soldini, Ceresio, Maspoli Chiasso, Pellegrini-Perini, Mella chiedendo loro quante prestazioni hanno svolto nel 2017 nei ricoveri e nelle case per anziani sovvenzionate del Cantone, quanti all’ospedale di Mendrisio e quanti all’ONC, rendendo note queste cifre”.

fonte: ticinonews.ch

Condividi
Indietro