Napoli. Comune sprecone: le nuove autofunebri restano in deposito.

Due auto nuove di zecca, che potrebbero dare un po’ di respiro a un settore in perenne agonia, quello dei servizi cimiteriali del Comune di Napoli, da quasi tre anni restano ferme in attesa di un utilizzo che forse non arriverà mai. L’ennesima storia di sperpero di denaro pubblico arriva dall’autoparco di Santa Maria del Pianto, sede dell’omonimo cimitero. È qui, infatti, all’interno di un improvvisato garage di fortuna, che le lussuose autofunebri Mercedes “Compact Xl” restano ferme in attesa di poter percorrere il loro primo chilometro. Le vetture in questione furono acquistate da Palazzo San Giacomo all’inizio del 2016 per un importo complessivo di circa 170mila euro: non proprio bruscolini, soprattutto per un Ente dalle finanze piuttosto malconce. All’epoca il comparto cimiteriale era sotto la gestione di Andrea De Giacomo, oggi manager della partecipata Napoli Servizi. Da quel giorno, però, le due Mercedes non sono mai state impiegate. Anzi, hanno persino rischiato di ridursi a un cumulo di ruggine. Fino a pochi mesi fa, infatti, le vetture erano ancora ferme, esposte alle intemperie, nel fondo Zevola di Santa Maria del Pianto. Solo in seguito alle rimostranze di alcuni funzionari del dipartimento furono spostate in un garage di fortuna all’interno dell’autoparco. Quelle poche decine di metri sono state con tutta probabilità le uniche percorse delle due lussuose Mercedes.

Condividi
Indietro