Roma. Morto Giuseppe Ciarrapico.

È morto a Roma, nella clinica Quisisana di cui era proprietario, Giuseppe Ciarrapico: era gravemente malato da tempo. Classe 1934, dal 2008 al 2013 senatore per il Popolo della Libertà, Ciarrapico è stato presidente della As Roma tra il 1991 e il 1993. Dichiaratamente simpatizzante del fascismo, fu vicino a Giulio Andreotti e la sua mediazione tra Silvio Berlusconi e Carlo De Benedetti fu determinante per il “lodo Mondadori”. Proprietario delle terme di Fiuggi, era detto il “Re delle acque minerali”: nella cittadina laziale inventò anche un premio internazionale dove riuscì a portare persino Michail Gorbaciov. Il “Ciarra”, come tanti lo chiamavano, fu anche editore e, a Roma, proprietario della clinica Villa Stuart, del Policlinico Casilino, della Casina Valadier (avventura finita male, con un crac da 70 miliardi di lire e una condanna a tre anni per ricettazione fallimentare), del bar Rosati in piazza del Popolo. Diverse le disavventure giudiziarie: il suo vitalizio da parlamentare era stato sospeso dal Senato nel 2015 per le condanne penali.

Condividi
Indietro