fbpx

Piacenza. Forno crematorio chiede di lavorare 24 ore: “Situazione pesante”.

L’amministrazione comunale continua a tenere monitorata la situazione delle salme in attesa di cremazione. Nell’ultima riunione di giunta il sindaco Patrizia Barbieri è tornato a ribadire il proprio impegno per assicurare che tutte le cremazioni vengano effettuate nell’impianto di via Portapuglia e che non vi siano trasferimenti in altre città.
Michele Marinello, amministratore del gruppo Altair che gestisce il forno crematorio di Piacenza, fa sapere che “la situazione è ancora pesante ma sotto controllo”. Dalle cento bare in lista di attesa si è passati alle 60 di ieri. Attualmente il forno di Piacenza è alla sua massima capacità di 20 ore, per questo è partita la richiesta ufficiale alla Prefettura e al Comune di farlo funzionare per le 24 ore.

continua a leggere

 

Indietro