Trespiano. Il nuovo tempio crematorio.

È attivo il nuovo tempio crematorio a Trespiano, dotato di due forni. Nella struttura, che si sviluppa su tre livelli con pianta cruciforme, per il momento sarà possibile effettuare solo i servizi di cremazione. I lavori del primo lotto del valore di 8 milioni di euro sono terminati, mentre sono in corso quelli del secondo che finiranno entro la prossima primavera. In tutto sono previsti 11 milioni di euro per il completamento dei lavori. Il project prevede la realizzazione di spazi cinerari semplici, a terra e cinerari monumentali per un totale di 20.212 posti, 16 cappelle private e 112 sepolcreti privati oltre a una nuova strada di collegamento fra il parcheggio esistente a nord e il nuovo parcheggio a valle. La struttura è dotata di un’ampia area esterna a cui si accede dal nuovo parcheggio pubblico dotato di oltre 70 posti auto. Il nuovo tempio crematorio è stato costruito pensando all’ambiente: infatti produce in atmosfera le stesse emissioni di una caldaia condominiale a servizio di 20 appartamenti. I due forni installati hanno una bocca di immissione di 100 centimetri e sono in grado di gestire anche salme fuori misura senza limiti di peso. Una volta ultimata la struttura sarà dotata di una sala d’attesa dove sarà possibile, su richiesta, assistere in modo discreto alla video proiezione dell’inserimento del feretro nel forno. Il tempio crematorio sarà dotato di 18 celle frigorifere e una stanza refrigerata da 36 posti per poter depositare i feretri in attesa di cremazione senza costi aggiuntivi rispetto al costo della cremazione. Al termine dei lavori della seconda fase di lavori, prevista all’inizio della primavera del 2019, entreranno in funzione 5 cappelle per l’esposizione del feretro a “bara aperta”, una sala per cerimonie di circa 100 metri quadrati, 4 sale del commiato, con anticamere esclusive e personalizzabili anche in base ai diversi culti religiosi, strutturate come luoghi più adeguati e maggiormente confortevoli rispetto alle camere ardenti tradizionali.

Condividi
Indietro