Livorno. Il Comune aumenta la “tassa” sulle cremazioni.

Il Comune ha deciso di aumentare di quasi sette volte la tariffa per la cremazione delle salme che arrivano al cimitero dei Lupi da fuori i confini di Livorno. Lo dice una delibera approvata da sindaco e assessori pochi giorni fa. Oggi funziona così: quando viene a mancare una persona che non risiede in città, i familiari, con la somma che versano alla società Socrem per la cremazione della salma, pagano anche i 15 euro di tassa di ingresso che vanno direttamente al Comune. I diritti di ingresso per i resti mortali ammontano invece a 10 euro. Con la delibera appena approvata, la giunta di Palazzo Civico, “a titolo di ristoro per le pratiche amministrative connesse”, ha deciso di modificare così le tariffe: 100 euro per i diritti di ingresso per la cremazione delle salme da fuori comune e 80 euro per quelli che hanno a che fare con i resti mortali (sempre in arrivo da fuori comune).

continua a leggere

Condividi
Indietro