Pasqua. Nell’uovo c’è un portachiavi con la bara, ma è per beneficenza.

A Pasqua arrivano anche sorprese “brutte”. Ma con scopo benefico. Dietro c’è la collaborazione tra l’agenzia funebre Taffo, rinomata per i suoi contenuti social ironici e irriverenti, e Moovenda, primo player italiano di food delivery. Le due realtà si sono eccezionalmente unite in occasione della Pasqua, con l’obiettivo di donare a Medici Senza Frontiere buona parte del ricavato delle centinaia di uova che saranno vendute a Roma.
Da giorni, sui social di Moovenda, è cominciato un gioco con indizi per permettere agli utenti di scoprire il “nuovo partner”. Qualcuno ha anche indovinato. Quel che però ancora non sanno  è che nelle uova di cioccolato al latte troveranno una “brutta sorpresa”, tra cui, per esempio, un portachiavi a forma di bara. Il disegno davanti alle uova, invece, rappresenta le orecchie di un coniglietto bianco tra due tombe con scritto RIP.
Spiega Simone Ridolfi, CEO di Moovenda: “La collaborazione fra Moovenda e Taffo è nata per aiutare in maniera concreta chi ogni giorno si impegna per soccorrere persone in difficoltà. L’uovo di Pasqua è stato scelto per aumentare l’efficacia dell’iniziativa ed arrivare nelle case di tutti i romani, aldilà del collegamento con la festività che rappresenta“.
Nessun collegamento religioso, dunque, ma solo voglia di aiutare i più bisognosi con una campagna simpatica e irriverente che si pone in netto contrasto con slogan troppo tristi e drammatici. Le uova hanno un costo di 12 euro e saranno acquistabili tramite la piattaforma di Moovenda (sito web o applicazione per smartphone).

Condividi
Indietro