Carcina. Veglie funebri sotto casa. “Vivo in lutto perenne”.

Da una parte le famiglie in lutto, che chiedono il rispetto del proprio dolore. Dall’altra la signora Silvana, che vorrebbe poter condurre una vita più spensierata, senza dover fare i conti, ogni giorno, con la morte. Oggetto del contendere un immobile di Carcina, acquistato dalla signora Silvana anni fa. All’epoca sotto casa c’era una fioreria; dal 2008 nel negozio, rimasto sfitto, ha preso posto un’impresa di pompe funebri che ha aperto una casa del commiato. “Da allora la mia vita si è interrotta“, lamenta Silvana. “Non posso ascoltare musica e nemmeno invitare amici a casa. Comprendo il dolore delle famiglie che hanno perso un proprio caro e mi impegno a rispettarlo, ma non posso vivere in lutto costante“.

continua a leggere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro