Marano, il cimitero diventa part-time. E i morti devono aspettare la mattina per essere interrati.

 “Se dovessi avere la sfortuna di morire a Marano, da qualche giorno rischi di passare una notte intera in attesa di essere seppellito, perché in Campania siamo straordinari e non ci facciamo mancare niente, nemmeno il cimitero part-time”. Sorrisi amari quelli di Gennaro Tammaro e Alessio Salvato, delegati EFI (Eccellenza Funeraria Italiana), che portano alla luce un nuovo caso assurdo che in queste ore sta creando notevoli disagi a Marano, popoloso comune dell’hinterland partenopeo.
L’amministrazione cittadina, con un’ordinanza sindacale (la numero 19) datata 2 aprile 2019, stabilisce che il cimitero osserverà l’orario 7.30 13.30.
Tra i motivi indicati, quello della mancanza di personale. “Del resto – provano a sdrammatizzare i due impresari funebri – lo diciamo ormai da tempo ai campani che è il caso di scegliere bene a che ora passare a miglior vita”.
La verità è che invece questa scelta ha gravissime ripercussioni sul normale svolgimento delle attività cimiteriali. “Si veda il caso di una donna – spiegano Tammaro e Salvato – il cui funerale è fissato nel pomeriggio: dopo il rito, con il cimitero chiuso e interdetto a ogni operazione, la salma dove verrà conservata in attesa della sepoltura?”. Non certo al bar. “Abbiamo contattato il sindaco – spiegano i delegati EFI – che ci ha spiegato che esiste una struttura privata, una funeral house, che può sopperire alle mancanze comunali.
Questo in una città già in passato segnato da brutte vicende legate a imprese funebri operanti sul territorio, dove invece di tutelare i cittadini si vengono a creare i presupposti per nuove situazioni di imbarazzo e ambiguità, avallando scelte che de facto creano le condizioni per un monopolio privato di un’attività che dovrebbe essere in capo alla macchina statale”.
“La nostra proposta – chiudono Tammaro e Salvato – è che venga predisposto un tariffario per i servizi che, ahimè, dovrebbero essere ordinari ma vanno considerati extra e di cui possano farsi carico le imprese funebri. Quantomeno per tutelare la dignità dei morti che rischiano di passare la loro ultima notte all’addiaccio prima del riposo eterno”.

Condividi
Indietro