Marche. Marco Bondoni: “Il fondamentale supporto di EFI a sostegno della categoria”.

La Regione Marche ha recentemente emanato una propria legge con la quale impone, per la realizzazione di nuove Case Funerarie, una distanza di almeno 100 metri rispetto alle abitazioni e agli esercizi commerciali. Un provvedimento ritenuto inammissibile dalle Imprese Funebri locali che si sono immediatamente mobilitate con una imponente manifestazione cui è seguito un incontro con i vertici dell’Assessorato regionale alla Sanità.
Marco Bondoni, Consigliere Nazionale di EFI-Eccellenza Funeraria Italiana, è stato certamente fra i più attivi oppositori alla nuova normativa, evidenziando anche una ulteriore problematica, “le tempistiche delle visite necroscopiche che risultano profondamente diverse da un’area vasta all’altra: in pratica se in una zona si attende ancora la visita del medico per procedere alla composizione e alla vestizione della salma, a pochi chilometri di distanza il funerale è già in corso”. Fondamentale in questa battaglia è, e ancora di più lo sarà in futuro, “il supporto fornito dall’Associazione cui sono fiero di appartenere: la presenza costante al mio fianco del Presidente Gianni Gibellini e dell’amico Ugo Borghi hanno trasmesso maggior forza alle nostre iniziative e mi hanno facilitato nel poter dialogare direttamente con le massime istituzioni politiche e amministrative dell’apparato regionale avviando un dialogo che mi auguro possa presto portare ai risultati tanto auspicati dall’intera categoria”.

Condividi
Indietro