Le convergenze parallele.

ronca-1Quanto auspicato su Facebook dal Presidente di Federcofit Cristian Vergani pare ricondurci agli anni ‘70 quando le “convergenze parallele” erano oggetto giornaliero di desiderio per almeno una parte dei rappresentanti dei partiti politici che allora ci governavano. Dalle parole di Vergani si evince l’auspicio per un “dialogo” e per “correzioni in curva” sulla nuova proposta di Disegno di Legge in materia funeraria predisposta dalla Senatrice Giuseppina Maturani.

Ci hanno forse ripensato? Hanno fatto di tutto per presentare un ennesimo DdL e per tentare di rallentare i lavori della XII Commissione obbligandola ad esaminare e a prendere in considerazione una ulteriore proposta. Ma la relatrice è stata efficace e tempestiva nell’elaborare un testo di sintesi condiviso da tutti i firmatari.

Allora, Vergani, cosa è che non va? Federcofit e le altre Associazioni che la sostengono, dopo aver definito l’AS1611 “il peggiore dei mali” e dopo aver indetto in molte regioni convegni sponsorizzati dai produttori per battere altre strade, adesso auspicano il dialogo e le correzioni in corsa definendosi “né brutti, né sporchi, né cattivi” e invitando la Senatrice, “se ne ha facoltà”, a prenderli in considerazione.

Questa nuova vostra posizione sarà anch’essa “colpa” o “merito” della “Banda Bassotti”, come ci avete definito il giorno della presentazione del DdL Vaccari in Senato? Forse, il Presidente Nazionale di una organizzazione di categoria – tanto più se, come affermi, “rappresentativa del settore “ (ma vuoi rendere pubblici i numeri dei vostri Associati?) – dovrebbe essere più prudente e dovrebbe utilizzare una terminologia più consona al proprio ruolo.

Con un sincero augurio per una serena estate!

Jorio Ronca – Presidente Asnaf&AS

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro