Prima Porta, “da 17 giorni in attesa di una cremazione”: la denuncia di una figlia.

C’è il dolore per la perdita di una madre. E poi un’altra ferita, anche questa non meno dolorosa: quella di sapere che il cadavere del proprio caro, è in una cella frigorifera in attesa di essere cremata da 17 giorni. «Dopo le feste», è stato spiegato a Daniela, che, lo scorso 20 dicembre, ha dovuto salutare per sempre Giovanna, sua mamma, scomparsa all’età di 91 anni. E che adesso, con un post su Facebook, denuncia i tempi lumaca per la cremazione, nel cimitero di Prima Porta.

continua a leggere

Condividi
Indietro