Cuneo. “Oggi la morte è esclusa dalla vita”: Socrem e Fondazione Fabretti per affrontare il destino del corpo e la memoria.

La sala San Giovanni di Cuneo ha ospitato la tavola rotonda “Il destino del corpo e la memoria”. Un evento organizzato da Società per la Cremazione di Torino, Fondazione Fabretti e Socrem di Bra, con il patrocinio della città di Cuneo. “Vorremmo collocare il tema del fine vita all’interno della società” ha esordito il presidente della Fondazione Fabretti Adriano Favole. “Quando ci sono forti trasformazioni nel modo di pensare il corpo, anche e soprattutto in relazione al fine vita, significa che stiamo vivendo alcuni snodi epocali. La riflessione sulla morte ci aiuta a riflettere sul complesso della società”.

continua a leggere

Condividi
Indietro