Erotismo col cadavere in obitorio: quando l’amore non respira (più). | TGFuneral24

Erotismo col cadavere in obitorio: quando l’amore non respira (più).

È di pochi giorni fa la notizia della scoperta degli atti osceni che un impiegato dell’obitorio ha effettuato col cadavere di una star di reality show russi, Oksana Aplekaeva. La donna è stata uccisa in circostanze misteriose, il suo corpo trovato e identificato dopo giorni dalla morte, e successivamente riesumato per consentire alla polizia di trovare nuove prove sul suo omicidio. Proprio a seguito della riesumazione del cadavere si è scoperto che il corpo di Oksana Aplekaeva era stato violato post-mortem e che il materiale biologico ritrovato appartiene al 37enne Alexander, che lavorava come tecnico nell’obitorio. Alexander è stato licenziato, ma non perseguito, perché non esistono leggi, in Russia, che prevedano queste circostanze. Non ci sono parole per descrivere il disgusto che si prova a sfiorare solamente l’idea della violazione di un cadavere. La psicologia, però, ci dà un’idea di cosa sia la necrofilia perché, anche se come società non possiamo accettarla, possiamo almeno capirla.

continua a leggere

Condividi
Indietro