L’ultima corsa di Marieke. Alle Paralimpiadi con le carte firmate per farla finita: “Non vivrò come un vegetale”.

Ha già deciso dove getterà le proprie ceneri. A Lanzarote, dove la lava incontra il mare. Dice che quel posto le dà pace e tranquillità. Prima, però, Marieke Vervoort ha la sua ultima sfida sportiva da vincere. Dopo le due medaglie conquistate a Londra, andrà alle Paralimpiadi di Rio a cercare un’altra doppietta nei 100 e nei 400 metri. Trentasette anni, belga, da quando ne ha 14 convive con una malattia degenerativa progressiva.

continua a leggere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro