Usa. La giuria era razzista: annullata dopo trent’anni la condanna a morte per un afroamericano.

La Corte suprema Usa ha annullato la sentenza di condanna a morte inflitta nel 1987 a Timothy Foster, un nero accusato di aver ucciso una anziana donna bianca, dopo che il suo avvocato ha provato che la giuria di allora, composta da 12 bianchi, fu selezionata con criteri razzisti.

continua a leggere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro