“Io, mamma di un bimbo condannato a morte”.

È morto, ma fra le braccia di una mamma. Il piccolo Mario se ne è andato ancora prima di compiere tre anni: malato e abbandonato alla nascita, era stato adottato da un’infermiera del reparto dove era ricoverato, Nadia Ferrari. Una donna coraggiosa e forte, che ieri ha ricevuto il premio della Bontà Sant’Antonio, all’auditorium del Centro Culturale San Gaetano di Padova, per il suo “gesto d’amore disinteressato e veramente materno“.

continua a leggere

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro