16 luglio 1647. Morte di un eroe napoletano.

“È muorto chi lu Nobile ha smaccato. È muorto chi ha cresciuto li panelle. È muorto chi ha strette li Gabelle”. Così  scrive un anonimo poeta all’indomani della morte di Tommaso Aniello, detto Masaniello. L’eroe del popolo napoletano che, a capo della rivolta di luglio, riuscì  a far abolire le gabelle sui beni di consumo popolari imposte dal Viceré  spagnolo Duca D’Arcos. A capo di un esercito di giovani “lazzari”, gli Alardi, guida la rivolta da piazza Mercato, centro delle attività economiche. Seguono vittorie e successi che ben presto accrescono la sua popolarità. Il 16 luglio muore in una congiura ordita contro di lui.

163

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro