23 agosto 2007. La scomparsa di Bruno Trentin.

Il sindacalista Bruno Trentin muore a Roma all’età di 81 anni. Personaggio di primo piano della politica italiana, nasce in Francia, a Pavie, nel 1926 e a soli 15 anni viene arrestato dai tedeschi perché sospettato di cospirare contro il governo di Vichy. Rientra in Italia con la famiglia dopo l’8 settembre 1943. Come partigiano prende parte alla lotta di Liberazione. Nel 1949 consegue la laurea in giurisprudenza; nello stesso anno si iscrive alla CGIL e nel 1950 al Partito Comunista. Ma la sua strada è quella sindacale: dal 1962 al ’77 è segretario della Fiom e dal 1988 al 1994 Segretario Nazionale della CGIL. Partecipa all’autunno caldo e il suo nome è legato l’accordo che mise fine alla cosiddetta “scala mobile” dei salari.

189

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro