1 luglio 1961. Muore suicida Ernest Hemingway.

Il grande scrittore statunitense inizia la propria carriera negli anni Venti quando, di ritorno dal fronte della Prima guerra mondiale, si trasferisce a vivere a Parigi. Hemingway conduce una vita irrequieta, descritta in “Fiesta”, e segnata da crisi depressive. É testimone della guerra civile spagnola, schierandosi dalla parte repubblicana e anti-franchista. Si sposa 4 volte, viaggia molto e vive tra Parigi, la Spagna e Cuba.
Tra le sue opere più famose: “Addio alle armi”, “I 49 racconti”, “Morte nel pomeriggio”, “Per chi suona la campana”, “Il vecchio al mare”. Nel 1954, Hemingway viene insignito del Premio Nobel per la Letteratura.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro