26 aprile 1986. Chernobyl: la tragedia che non passa.

Sono trascorsi più di trent’anni, ma la tragedia continuerà a riproporsi per chissà quanti decenni ancora: quel 26 aprile del 1986 in Ucraina non lo scorda nessuno perché quando arriva, ogni anno, non è la celebrazione di una battaglia che si può chiudere in un libro di storia. Il reattore numero 4, sotto le tonnellate di boro e cemento che gli furono buttate addosso a mani nude nei primi sei mesi dalla catastrofe, quel mostro continua a bruciare. Il Drago è ancora vivo e sputa veleno attraverso le crepe che si sono create immediatamente nel “sarcofago”. Il suo alito radioattivo continua ad avvelenare l’ambiente, ad uccidere le persone.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro