13 ottobre 1815. L’esecuzione di Gioacchino Murat.

Muore, fucilato a Pizzo Calabro, il generale francese Gioacchino Murat, re di Napoli e maresciallo dell’Impero con Napoleone Bonaparte. Murat è un esempio della mobilità sociale del periodo napoleonico. Nato nel 1767, figlio di un albergatore, alla caduta della monarchia entra nell’esercito rivoluzionario e diventa ufficiale. Partecipa a tutte le campagne militari di Napoleone mettendo in mostra grande coraggio e sprezzo del pericolo. Nel 1808 Napoleone lo nomina Re di Napoli. Ben accolto dalla popolazione, e detestato dal clero, perde il trono dopo la battaglia di Tolentino del 2 maggio 1815.

192

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro