13 gennaio 1991. Assalto alla tv di Vilnius.

Uomini del gruppo Alfa, il reparto d’élite dei servizi segreti di Mosca, assaltano il centro della televisione di Vilnius, capitale della Lituania, allora Repubblica sovietica che si era ribellata al Cremlino. Il bilancio finale è di 14 morti e di oltre 140 feriti. Mikhail Gorbaciov nega di aver dato l’ordine di attacco. La Lituania diventerà indipendente, insieme a Estonia e Lettonia, il 7 settembre dello stesso anno.

256

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro