Roma. L’Obitorio si rinnova: la gestione passa da La Sapienza all’Umberto I.

Una Capitale civile si riconosce anche dal suo obitorio. Roma fino a poche settimane fa non lo è stata. Il luogo che raccoglie i corpi della città, utilizzato da diverse procure per disporre autopsie, era diventato un vero scempio dal punto di vista strutturale e del rispetto dei corpi. Fino a quando il 2 marzo dell’ altr’anno è stato chiuso perché insicuro e cadente. Ora si gira pagina.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro