Diventare a breve un vero e proprio punto di riferimento.

Ci eravamo dati il termine di cento giorni, per rodare il sistema e per meglio comprendere come impostare il nostro lavoro, prima di promuovere ufficialmente il progetto TGFuneral24 non solo al comparto delle Onoranze Funebri, ma anche al sistema produttivo e più in generale all’opinione pubblica. Con leggero anticipo sulla tabella di marcia riteniamo conclusa questa fase preliminare che, pur non essendo stata accompagnata da alcuna campagna, ha visto fino ad oggi più di 50.000 utenti “navigare” sulle pagine di uno strumento che si prefigge di diventare in breve tempo un vero e proprio punto di riferimento per gli addetti ai lavori e per coloro i quali vogliono comunque approfondire notizie e argomenti in qualche modo collegati all’evento morte.

carmelo_pezzino-1Su TGFuneral24 continuerete a trovare, aggiornate in tempo reale, tutte le informazioni inerenti le diverse categorie che hanno attinenza con il tema centrale. Ma, da ora in avanti, troverete anche una serie di rubriche dedicate a mettere in evidenza le “eccellenze” nella produzione e nei servizi funebri, le opportunità di formazione professionale, le novità legislative nazionali e locali, i principali eventi specializzati e tanto altro. E non mancherà il dibattito sui temi più attuali con l’intervento di alcuni opinionisti, ma soprattutto con i vostri contributi che auspichiamo numerosi per dare corpo ad una interazione che, è fra i nostri obiettivi, vorremmo sempre vivace e dinamica.

Consentitemi, in chiusura di questo intervento, una parentesi personale. Conclusa la mia esperienza alla direzione di Oltre Magazine, tantissime persone, dall’Italia e dall’estero, mi hanno inviato graditissime attestazioni di stima e di amicizia che considero la più attendibile testimonianza di avere svolto un buon lavoro. Desidero ringraziare tutti pubblicamente (lo farò anche in privato, uno ad uno) e li invito a continuare a seguire la mia attività non più solo sulla carta patinata, ma anche e soprattutto sul web.

Carmelo Pezzino

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro