fbpx

Morto Raffaele La Capria, lo scrittore che aveva Napoli nell’anima.

Viveva a Roma dal 1950, una vita. E aveva scritto regolarmente dal 1978 per le pagine culturali di un quotidiano milanese, il Corriere della Sera. Eppure l’opera di Raffaele La Capria, scomparso all’età di 99 anni, era imperniata su Napoli: la metropoli dove era nato e con la quale si era confrontato di continuo nella sua attività di scrittore, sceneggiatore, saggista. Per lui era la “Foresta Vergine” capace d’inghiottire ogni cosa. L’aveva definita “una città che ti ferisce a morte o t’addormenta, o tutte e due le cose insieme”. Ma Dudù, come era chiamato familiarmente, non aveva mai smesso di evocarla, di amarla e di spronarla a ripensarsi. In fondo non se ne era mai veramente andato.

continua a leggere

Indietro