Harold Prince, addio al leggendario “King of Broadway”.

Un altro astro del firmamento dello spettacolo mondiale ha smesso di brillare: il 31 luglio è morto a Reykjavik in Islanda, Harold Prince, produttore e regista di musical, conosciuto come il “Re di Broadway”.
Non è possibile parlare del teatro musicale americano nella seconda metà del Novecento senza citare Harold Prince. Il suo nome viene associato ai musical di maggior successo, da West Side Story a Cabaret, passando per Fiddler on the Roof e poi Sweeney Todd e The Phantom of the Opera.
La sua lunga carriera ha avuto inizio nei primi anni Cinquanta lavorando come assistente di George Abbott, che lo ha introdotto nello show business. Numerose le collaborazioni a livello produttivo prima con Robert Grffith (The Pajama Game), successivamente con nomi del calibro di Leonard Bernstein, Jerome Robbins (West Side Story), Stephen Sondheim (Company, Follies, Sweeney Todd).
A partire dagli anni Settanta si è dedicato principalmente alla regia, collaborando soprattutto con Andrew Lloyd Webber alla realizzazione di due capolavori quali Evita (1979) e The Phantom of the Opera (1986). Il compositore britannico lo ha ricordato sui social con queste parole: “Addio, Hal. Quest’uomo  meraviglioso mi ha insegnato tanto; la sua padronanza del teatro musicale non temeva rivali”.
Le difficoltà nel trovare i finanziamenti hanno ritardato la realizzazione del suo ultimo progetto: Prince of Broadway, un musical ispirato alla sua carriera, che ha debuttato in Giappone nel 2015. Lo show ha avuto il suo debutto a nella Grande Mela il 3 agosto 2017.

fonte: teatro.it

 

Condividi
Indietro