fbpx

Ucraina. Odessa: città blindata due anni dopo la strage.

Ricorre oggi il secondo anniversario della strage di Odessa che ha visto morire 48 persone tra le fiamme dell’edificio della Casa dei Sindacati. Un evento che ha avuto un ruolo molto importante nella polarizzazione del conflitto nell’est del paese, divenuto un simbolo della guerra fratricida che ha dilaniato l’Ucraina negli ultimi due anni. Era il 2 maggio 2014 quando Odessa, suo malgrado, ha pagato il proprio testamento di sangue, aggiungendo morti ai morti di Maidan, di Sloviansk e Mariupol, di Donetsk e Lugansk e di tutto il Donbass. Una strage ancora senza verità e che, nonostante le indagini, non avrà mai una verità condivisa, comunemente accettata.

continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro