Il “suicidio” della sonda Cassini: il suo tuffo tra le nubi di Saturno.

Per la sonda Cassini della Nasa è arrivata l’ora della fine: ma sarà una conclusione gloriosa perché con i suoi “occhi” ha riscritto un capitolo importante sulla storia e della natura del pianeta più bello del sistema solare, Saturno. Venerdì 15 il grande robot cosmico si tufferà nelle colorate nubi saturniane dopo 13 anni di continui scandagli dell’affascinante corpo celeste e delle sue molteplici lune.

continua a leggere

208

Condividi
Indietro