Restaurato il gigantesco telescopio Schiaparelli: un secolo fa studiò i canali di Marte.

Con lui si inaugurò la “caccia” agli alieni. O meglio, ai marziani. Un concentrato di tecnologia all’avanguardia che alla fine dell’Ottocento riuscì a mappare per la prima volta Marte. È il famosissimo telescopio Schiaparelli, al secolo il gigantesco telescopio Merz-Repsold da sette tonnellate progettato da Giovanni Schiaparelli, che alla fine dell’800 venne usato dall’astronomo nella cupola dell’Osservatorio di Brera per esplorare il pianeta rosso. Ebbene, questo portento dell’astronomia torna oggi a risplendere così com’era più di un secolo fa, quando faceva sognare misteriose civiltà aliene, grazie alla conclusione di un lungo restauro durato sette anni.

continua a leggere

210

Condividi
Indietro