Paralizzato e cieco da anni: 59enne in Svizzera per il suicidio assistito.

Mentre in Italia la legge sul suicidio assistito è ferma in Senato, chi ha deciso di morire lascia il Bel Paese e va in Svizzera. Come Loris Bertocco, 59enne della provincia di Venezia. L’ennesima storia di sofferenza. In una clinica specializzata di Zurigo, il 59enne Loris Bertocco ha deciso di togliersi la vita, da troppi anni diversa da come la aveva immaginata. All’età di 19 anni, Loris è rimasto paralizzato a seguito di un incidente stradale, quando una macchina lo aveva investito in motorino. Le sue condizioni sono poi peggiorate ancora nel tempo. Oltre alla paralisi, Loris ha progressivamente perso la vista, fino a diventare cieco. Uno stato di salute non più sopportabile che lo convinto a compiere un gesto estremo: quello di farsi portare fino in Svizzera per sottoporsi al suicidio assistito. Loris era un animatore culturale, presentatore di trasmissioni culturali e musicali e ambientalista convinto. Inutile dirlo, aspettava una legge in Italia sul testamento biologico e il fine vita.

243

Condividi
Indietro