Oste. Salma non refrigerata per tre giorni: la Misericordia di nuovo nella bufera. 

Oltre al dolore per il defunto hanno dovuto subire la beffa di una serie di spiacevoli inconvenienti che hanno fatto diventare il funerale del congiunto una terribile odissea. Protagonista della vicenda una famiglia che, in lutto per la scomparsa del proprio congiunto, ha dovuto ulteriormente gestire una situazione di grande disagio aggravata dalla diatriba ancora in atto tra la sede della Misericordia di Prato e la sezione di Oste.

continua a leggere

189

Condividi
Indietro