19 gennaio 1969. Muore lo studente Jan Palach, giovane simbolo della Primavera di Praga.

Tre giorni prima della morte, Palach si dà fuoco nella Piazza San Venceslao di Praga, per protestare contro l’invasione della Cecoslovacchia da parte dell’Unione Sovietica, avvenuta nell’agosto del 1968. Nel giorno del funerale di Palach, come scrive Enzo Bettiza  “… il suono delle sirene a mezzogiorno e il rintocco delle campane trasformano l’intera città in un paesaggio pietrificato dove tutti rimangono fermi e silenziosi per cinque minuti”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro