3 novembre 1957. Muore il sindacalista Giuseppe Di Vittorio.

Nato nel 1892 da una famiglia di braccianti agricoli pugliesi, a 15 anni inizia la sua attività politica e sindacale. Sindacalista rivoluzionario, poi iscritto al partito comunista, soldato nella prima guerra mondiale, antifascista militante, in esilio durante gli anni del regime mussoliniano, Di Vittorio è volontario antifranchista nella guerra civile spagnola. Nel 1943, alla caduta del fascismo, è tra i fondatori della Cgil unitaria. Nel 1946, viene eletto all’Assemblea Costituente. Dal 1944 fino alla morte ricopre la carica di segretario generale della Confederazione Generale Italiana dei Lavoratori.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro