7 settembre 1968. La scomparsa di Lucio Fontana, l’artista dei “tagli”.

Muore a Comabbio, in provincia di Varese, Lucio Fontana, pittore e scultore italiano, padre del movimento spazialista. Nel 1946 pubblica a Buenos Aires il “Manifiesto blanco” in cui esorta a superare una visione “stagnante” dell’arte per una che comprenda le dimensioni di spazio e tempo. Il suo intento è quello di andare oltre l’astrattismo e il realismo pittorici per approdare a forme e ad energie nuove, vibranti sotto la superficie della tela.
Fontana raggiungerà una fama universale grazie alle sue tele – spesso monocrome – attraversate da squarci e tagli che intendono rappresentare la sua volontà di superamento delle distinzioni classiche fra pittura e scultura  e aprire l’opera alla tridimensionalità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro