22 agosto 1978. La morte di un misterioso intellettuale.

Muore a Ginevra lo scrittore e politico Ignazio Silone, al secolo Secondino Tranquilli. Trascorre un’infanzia segnata da lutti e da traumi, soprattutto in seguito al terremoto di Avezzano del 1915.
Nel 1917 si iscrive all’Unione Giovanile Socialista. Nel 1921 a Livorno è tra i fondatori del Partito Comunista. La sua attività, all’interno del partito, gli permette di lavorare con molti giornali, ma lo obbliga, durante il ventennio, a fuggire all’estero. Nel 1933 in Svizzera esce il suo primo romanzo, Fontamara, che narra le vicende di umili contadini, i “cafoni”, abruzzesi.
Durante il periodo bellico Silone, che si è riavvicinato alla politica, ricopre incarichi importanti nelle sedi estere del Partito socialista italiano. Negli ultimi anni la sua figura si è trovata al centro di un infuocato dibattito storiografico a causa dell’accertata collaborazione dello scrittore abruzzese con l’OVRA, la polizia politica fascista, quando, negli anni Venti, egli era un dirigente di primo piano del Partito comunista clandestino.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro