Bologna. “Mondo sepolto”: Giancarlo Armaroli e Massimo Benetti chiedono di patteggiare.

Chiedono di patteggiare Giancarlo Armaroli e Massimo Benetti, i due principali indagati nell’ambito dell’inchiesta “Mondo sepolto” che a gennaio ha portato alla luce due cartelli di imprese che “controllavano” le camere mortuarie dell’Ospedale Maggiore e del Policlinico Sant’Orsola di Bologna per “mantenere e consolidare il monopolio nella gestione dei servizi funebri”. Armaroli, titolare dell’Impresa Armaroli Tarozzi e ritenuto il capo dell’associazione per delinquere egemone al Maggiore, ha chiesto di patteggiare una pena di quattro anni di reclusione. Benetti, presidente del Consorzio Imprese Funebri e, secondo l’accusa, a capo dell’associazione per delinquere che controllava la camera mortuaria del Sant’Orsola, ha invece chiesto di patteggiare tre anni e sei mesi.

continua a leggere

Condividi
Indietro