23 giugno 1980. L’omicidio di Mario Amato.

É il 23 giugno quando i  Nar uccidono Mario Amato, sostituto procuratore della Repubblica di Roma. Chiamato a riprendere le indagini sui gruppi della destra eversiva, dopo l’omicidio del collega Vittorio Occorsio, Amato scopre i legami tra i Nar e la banda della Magliana ed è l’unico, insieme ad Occorsio, a tentare una “lettura globale” del terrorismo nero. Solo e senza scorta, viene ucciso da Gilberto Cavallini e da Luigi Ciavardini mentre aspetta l’autobus per recarsi in ufficio.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro