22 giugno 2005. Le condanne per il massacro di Sant’Anna di Stazzema.

Dieci ex-ufficiali e sottufficiali tedeschi, tutti ormai ultraottantenni, vengono condannati all’ergastolo per il Massacro di Sant’Anna di Stazzema avvenuto 12 agosto 1944 quando, alle prime luci dell’alba, alcuni reparti di SS accompagnati da fascisti e collaborazionisti salirono nel  paesino dell’Appennino toscano e compirono una strage. In poco più di tre ore furono massacrati 560 innocenti inermi, in gran parte bambini, donne e anziani. Chiusi nelle stalle dai nazisti vennero uccisi a colpi di mitra e bombe a mano. I Tedeschi diedero  poi fuoco alle case  per  distruggere e cancellare ogni traccia e interrompere definitivamente ogni collegamento fra le popolazioni civili e le formazioni partigiane nella zona.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro