18 giugno 1959. Muore il poeta Vincenzo Cardarelli.

Figlio illegittimo, passa l’infanzia con il padre che lo affida spesso a estranei. Da qui la “malinconica solitudine” che riversa nei suoi scritti e nelle sue poesie.
Giornalista appassionato, scrive per L’Avanti, Il Marzocco, La Voce, la Rivista Lirica, Il Resto del Carlino. La poesia di Cardarelli è descrittiva, lineare, legata a ricordi passati, espressa in un linguaggio discorsivo, ma impetuoso e profondo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro