10 giugno 2002. Scompare l’ultimo “padrino” di New York.

Muore nel carcere del Missouri John Gotti, l’ultimo grande “padrino” di New York. Con la sua morte si chiude una pagina importante della storia di Cosa nostra. Elegante, sicuro di sé, molto sensibile alla notorietà, Gotti finisce in carcere nel ‘92 dopo uno spettacolare processo durato mesi. Ne esce condannato anche grazie alla testimonianza decisiva di uno dei suoi uomini, Sammy “Bull” Gravano, diventato collaboratore di giustizia. La sua condanna all’ergastolo viene pronunciata pochi giorni prima dell’assassinio in Italia di Giovanni Falcone. Il magistrato siciliano, insieme con Rudolph Giuliani, è stato tra i più accaniti avversari di Gotti e del clan Gambino.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro