6 giugno 1985. Ritrovati i resti del crudele Josef Mengele.

Vengono localizzati e riesumati in Brasile i resti del cadavere del criminale di guerra nazista Josef Mengele, l’ufficiale tedesco della SS noto per la particolare crudeltà con cui conduceva esperimenti chirurgici sui detenuti del campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau. Dopo la fine della guerra e dopo un periodo di vita trascorso in incognito in Germania, Mengele fugge in Sud America dove trascorre libero il resto dei suoi giorni nonostante sia ricercato come criminale di guerra nazista. Il Mossad, pur non perdendone mai del tutto le tracce, non riuscirà a catturarlo. Il suo cadavere viene rintracciato solo nel 1985 e il test del DNA, effettuato nel 1992 a cura dell’Università di Campinas, ha confermato la sua identità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro