5 giugno 1945. Viene giustiziato lo spietato Pietro Koch.

pietro_koch_01_300pxMuore fucilato a Roma, presso il Forte Bravetta, Pietro Koch, capo di un reparto speciale della polizia fascista diventato famoso per i suoi spietati metodi di tortura e di interrogatori. Quando Roma viene liberata dagli Alleati nel giugno del 1944, la banda Koch si sposta a Milano. Il suo strapotere, tuttavia, finisce per disturbare anche i dirigenti fascisti della Repubblica Sociale. Il 17 dicembre 1944 Koch viene arrestato e rinchiuso al carcere di San Vittore. Durante l’insurrezione di Milano del 25 aprile Koch evade e fugge a Firenze, ma il 1 giugno viene arrestato con la sua compagna Tamara Cerri, processato e condannato a morte.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro