3 giugno 1989. Muore l’ayatollah Ruollah Khomeini.

Capo spirituale e politico dell’Iran dal gennaio 1979 fino alla sua morte, Khomeini – che dall’esilio parigino ha guidato l’opposizione religiosa al regime dello scià – sale al potere dopo la fuga di Mohammad Reza Pahlavi a seguito della rivolta popolare del 1978 e fonda una “repubblica islamica” di stampo teocratico. Il suo governo impone l’abolizione del divorzio e la proibizione dell’aborto e istituisce la pena di morte per l’adulterio e la bestemmia.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro