3 giugno 1924. Muore a Kierling, vicino Vienna, Franz Kafka.

Nato a Praga da una famiglia ebrea, lavora come impiegato in una società di assicurazioni e scrive di nascosto del padre, ostile alla sua passione per la letteratura. Nel corso della sua vita pubblica solo qualche racconto. È l’amico Max Brod che cura la pubblicazione postuma di romanzi, racconti e diari, nonostante che Franz Kafka gli avesse espresso prima della morte la volontà che venisse distrutta tutta la sua produzione. Opere come “Il processo”, “Le Metamorfosi” e “Il Castello”, con il loro contenuto filosofico, rappresentano una anticipazione dell’esistenzialismo contemporaneo.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Indietro