19 aprile 1943. La rivolta nel ghetto di Varsavia.

Gli ebrei del ghetto di Varsavia iniziano l’ultima disperata difesa contro la soluzione finale che le SS intendono attuare secondo gli ordini di Himmler. Gli ebrei combattenti sparano con armi leggere sulle truppe tedesche del comandante Sammern-Frankenegg, entrate nel ghetto per deportare la popolazione. É la prima volta che un gruppo di ebrei si difende in modo organizzato. I tedeschi si ritirano, fra di loro ci sono morti e feriti. Dopo il fallimento della prima incursione nel ghetto, il comando delle truppe tedesche passa a Jurgen Stropp. Sarà lui, dopo quasi un mese, ad avere ragione della rivolta.

Condividi
Indietro