18 aprile 1955. La scomparsa di Einstein, sinonimo di intelligenza e di genialità.

Muore a Princeton, negli Stati Uniti, Albert Einstein, lo scienziato che ha scoperto la teoria della relatività. Tedesco di nascita, svizzero di adozione e americano nella parte finale della sua vita, diventa noto in tutto il mondo dopo la pubblicazione nel 1905 di una memoria in cui espone i principi della teoria della relatività. Una memoria che sconvolge le concezioni della fisica classica e che getta le basi per una nuova impostazione delle ricerche scientifiche. Nel 1921 riceve il Premio Nobel per la fisica. La sua fama dilaga, superando quella di qualunque altro scienziato della storia. Il suo nome è diventato negli anni sinonimo di intelligenza e di genialità.

Condividi
Indietro